www.al-anon-areavenetoest.it

  • Pieno Schermo
  • Schermo Largo
  • Schermo stretto
  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione base caratteri
  • Diminuisce dimensione caratteri

L'alcolismo di un componente coinvolge tutta la famiglia

Stampa

Non occorre essere alcolisti per soffrire della malattia dell’alcolismo

Paola - Alateen - 200x212 Quando scoprii che l'alcolismo regnava imperterrito nella mia famiglia, e chissà da quanto... (?), è stata per me quasi una liberazione! Una liberazione e una risposta a tutti quei "perché" che ogni giorno mi ponevo: "perché il mio papà è così diverso dagli altri papà?”, "perché il mio papà fa fatica a chiedermi come sto?", "perché quando sto male non mi è vicino...?». Mi ero sempre convinta che fosse colpa del suo carattere.

Passavano i giorni, gli anni... ed era sempre peggio, senza che ce ne accorgessimo. La comunicazione in casa diventava sempre più sporadica, ed era spesso assente...: le sole e continue aggressioni verbali, hanno progressivamente lacerato, fino a ridurre a brandelli, i legami che, ricordo, avevo da piccola con i miei genitori e con mio fratello. Ho sempre creduto di poter trovare fuori dalle quattro mura di casa mia, l'affetto, l'amore, le attenzioni di cui ancora ho bisogno; una parola, un consiglio, un abbraccio, un sorriso..., un papà che ti dice: "Che bella che sei oggi, Paola!"... ero sicura che avrei trovato tutto altrove.

Ho voluto illudermi giorno dopo giorno, sempre di più, che bastasse cambiare ambiente, allontanarmi da casa perché le cose migliorassero ma non è andata così: i miei perché mi hanno seguita.... Sono tornata da qualche tempo sui miei passi ed ho capito che ciò che mi manca è un papà. Il papà.

Ho un fratello più piccolo..., con cui mi è spesso difficile rapportarmi. Con lui passerei gran parte delle mie giornate. In questi anni avrei voluto trascorrere ore intere a chiacchierare insieme a lui e poter conoscere così finalmente questa persona che posso quasi definire un estraneo. E sapete perché? Perché, purtroppo, l'alcolismo ha fatto ammalare anche me e mio fratello, impedendoci di costruire un legame da fratello e sorella. Per questo "NON OCCORRE ESSERE ALCOLISTI PER SOFFRIRE DELLA MALATTIA DELL'ALCOLISMO". Mi manca tanto anche lui.

 

Ora, grazie al percorso di recupero che ho intrapreso in Alateen, ho capito che il dono più bello è quello di poter parlare e dialogare con i nostri cari. E, se non partiamo da qui, dalla comunicazione con la nostra famiglia, non potremo mai ricevere l'amore di cui abbiamo bisogno altrove.

 

Paola