www.al-anon-areavenetoest.it

  • Pieno Schermo
  • Schermo Largo
  • Schermo stretto
  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione base caratteri
  • Diminuisce dimensione caratteri

I Nonni

Stampa

Storia di un nonno con un figlio e nuora alcolisti e con due nipotine in grave difficoltà.

Nonni_tristiMio figlio, già adulto, aveva il problema dell'alcool. Non mi ero accorto di quanto fosse inguaiato perché era stato fuori di casa a lungo per lavoro. Quando tornò potei rendermi conto di quanto il bere lo avesse devastato. Mi sentii rovinato! Il ragazzo che conoscevo era scomparso, e al suo posto c'era un estraneo avvilito e collerico.

La mia desolazione giunse al massimo quando andai a trovare le mie tre nipotine. Erano in una situazione estremamente critica, perché beveva anche la loro mamma. Sull'aereo che mi riportava a casa, nonostante la mia età, io piansi.

La preoccupazione per le nipotine si trasformò in una angoscia che non mi faceva dormire la notte.

Quando potevo tornavo da loro per cucinare un pasto decente, portare una nipotina al parco, o aiutare un'altra a fare i compiti. Mia moglie lavava i vestiti, riordinava e puliva la casa, e portava via le immondizie che si erano accumulate. Il ritorno a casa era sempre doloroso.

"Levati di mezzo", mi ripeteva sempre mio figlio, e il cielo sa quanto desideravo che questo fosse possibile. Pensavamo che non ci fosse risposta per nessuno dei nostri problemi finché non trovai Al-Anon.

In Al-Anon cominciai a capire che la mia era un tipo di sollecitudine che non stava aiutando me o mia moglie, né tanto meno mio figlio e la sua famiglia.

Un po’ alla volta, con distacco mi separai dalla malattia di mio figlio e di mia nuora, senza privarli del mio affetto

Distacco non era disinteresse.

Per me, io continuo a frequentare Al-Anon. Mia nuora continua a bere, e spesso, dopo una visita delle mie nipoti, mi sento sommergere da un'ondata di emozione. Sento dolore, sapendo a che cosa vanno incontro tornando a casa. La differenza, oggi, è che ho Al-Anon; trovo aiuto nel decidere che cosa posso fare e non sono più disperato come prima.

Le sostengo come posso: ho messo in banca una somma di denaro per la loro istruzione. Scrivo e telefono regolarmente per dimostrare loro che le amo incondizionatamente e che su di me possono contare. Cerco, tuttavi,a di non farmi coinvolgere dalla loro situazioni quotidiane.

Ora mio figlio è sobrio e loro sono andate a qualche riunione di Alateen, da cui traggono aiuto.

Mio figlio ha la saggezza di dirmi di non tornare alle mie vecchie abitudini e di lasciare che le figlie scoprano la loro realtà ed imparino come crescere in essa.

Gli amici del mio gruppo Al-Anon mi aiutano a ricordare che devo mettere in prativa questo distacco con amore.

significava rispetto per l'altro. Con distacco, non m'intromisi più nella situazione della sua famiglia, e non interferii quando mio figlio lottava per il proprio recupero. E funzionò: senza di me, egli vide gli effetti dell'alcool nella sua casa e sulle figlie, e chiese aiuto in AA.

 

Paolo

Al-Anon ti può aiutare?

Storie diverse unite da un comune Problema